Preloader

Carico...

image

Lavorare come SEO nel mondo dell’e-commerce

Il mondo delle vendite online offre una serie di nuove professioni molto interessanti, innovative, e sempre più ricercate dalle aziende desiderose di avere nel proprio organico professionisti dell’era digitale.

Se si gestisce un sito di e-commerce per implementare le vendite è consigliabile investire nelle attività di posizionamento organico. La SEO per e-commerce è fondamentale per vendere i prodotti tramite un canale organico dei motori di ricerca.

I vantaggi della SEO per i siti e-commerce sono davvero numerosi, innanzitutto l’incremento del traffico. Un sito e-commerce presente nelle prime pagine di Google riceve sicuramente più click. Con aumento esponenziale delle visite è inevitabile l’aumento della clientela. Un altro vantaggio che deriva dalla SEO è la misurabilità, i risultati ottenuti dalla SEO infatti sono quantificabili in modo da calcolare il ritorno sulla spesa pubblicitaria. Ottimo strumento per fare un’analisi costi-benefici in un modo molto preciso.

Affinché un sito e-commerce sia redditizio è necessario che sia in grado di gestire un numero molto elevato di motori di ricerca e di pagine, garantendo al tempo stesso l’assorbimento da parte dei motori di ricerca. Tutto ciò si può ottenere attraverso una strategia SEO ben studiata.

Tipici errori seo di un e-commerce

Molte volte i proprietari dei siti e-commerce pensano che sia necessario avere un negozio online stracolmo di prodotti per incrementare il traffico organico, purtroppo non è proprio così. Ottimizzare un e-commerce per quanto concerne i motori di ricerca richiede una maggiore conoscenza tecnica.

Spesso, ad esempio, si può incappare nella problematica dei contenuti duplicati, in quanto i sistemi di filtraggio dei prodotti e delle ricerche potrebbero generare url diversificati per lo stesso prodotto. A ciò si può ovviare attraverso un elemento HTML conosciuto come Rel Canonical, in modo da non incappare in penalizzazioni.

Un altro degli errori che si commette con più frequenza è quello di non considerare effettivamente le query di ricerca degli utenti di Google. La scheda del prodotto deve essere ottimizzata in base alle ricerche specifiche per ottenere il risultato sperato, ovvero far sì che gli utenti trovino con facilità il prodotto proposto dal sito e-commerce.

Un altro degli aspetti da considerare è quello delle recensioni. Spesso i gestori di siti e-commerce tendono a non dare la possibilità ai propri clienti di recensire gli acquisti, senza considerare che si tratta invece di un valido mezzo per creare in modo gratuito contenuti ed aggiornare costantemente la scheda del prodotto.

Perché avvalersi di un esperto?

Insomma, gli errori in cui si potrebbe incappare sono molteplici. Pertanto, la ricerca di un consulente SEO è davvero consigliata per coloro che hanno un sito e-commerce poco redditizio. Il soggetto in questione, dotato del background professionale adeguato per poter gestire le varie strategie di ottimizzazione SEO, può essere un valido aiuto per aumentare il volume delle vendite, per l’aumento del traffico organico sulla pagina e la diffusione del brand.

Inoltre, in caso ci si rivolga ad un mercato internazionale, è fondamentale rivolgersi ad un professionista per ottimizzare per ciascun browser di riferimento la pagina web. Ovviamente è fondamentale monitorare costantemente ogni incremento di vendita generato da un’ottimizzazione della SEO, al fine di comprendere quanto la consulenza sia stata redditizia per il proprio business.

leave your comment


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *