Irpinia Job


Portale del Settore Lavoro e Formazione della Provincia di Avellino

AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE ALLE AZIENDE

Le novità per l'anno 2008 relativamente alle agevolazioni contributive previste per le aziende
AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE ALLE AZIENDEIn materia di incentivi alle aziende, la Legge Finanziaria 2008 e la Legge 247/07 contenente Norme di attuazione del Protocollo Welfare , hanno introdotto significativi elementi di novità.
L’INPS, con messaggio del 17 marzo n°6345, illustra i cambiamenti di maggior rilievo ed impatto: iscrizione nelle liste di mobilità, assunzione di soggetti disabili, imprese edili, imprese che esercitano la pesca costiera ed imprese armatoriali per le navi che esercitano attività di cabotaggio marittimo.

In primo luogo, con riferimento all’iscrizione nelle liste di mobilità, l’art. 2, comma 525, Legge finanziaria 2008 ha prorogato al 31 dicembre 2008 la possibilità di iscrizione nelle liste di mobilità dei lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo da aziende che occupano anche meno di 15 dipendenti, per i quali non ricorrono le condizioni per l’attivazione delle procedure di mobilità.
La legge ha previsto, inoltre, la copertura dei relativi oneri nella misura di 45 milioni di Euro per il finanziamento delle agevolazioni contributive in caso d’assunzione.
Al fine di usufruire dei benefici di cui alla Legge n223/1991 (dall’1/1/2007, contribuzione datoriale in misura pari a 10 punti percentuali), i datori di lavoro, in caso di assunzione di dipendenti iscritti nelle apposite liste, utilizzeranno i codici P5 – P6 – P7, sulla base delle modalità già conosciute.

L’articolo 1, comma 37, della Legge 24 dicembre 2007, n°247 ha apportato, in secondo luogo, rilevanti modifiche alle norme per il diritto al lavoro dei disabili.
Con riferimento, infatti, all’assunzione dei soggetti disabili (disciplinata dalla Legge 68/1999 e successive modifiche e integrazioni), il novellato articolo 13, in materia di incentivi per l’assunzione, stabilisce che le regioni e le province autonome possono riconoscere un contributo all’assunzione, fissato in misura percentuale - variabile in base al grado di riduzione della capacità lavorativa del soggetto disabile – del costo salariale.
La concessione della fiscalizzazione, totale o percentuale, dei contributi previdenziali ed assistenziali relativi alle assunzioni dei lavoratori disabili non è quindi più prevista.

L’articolo 1, comma 51, della Legge 247/2007, a decorrere dall’anno 2008, inoltre, ha reso stabile, attraverso modifica dell’originario testo del D.L. 244/1995, la riduzione contributiva a favore delle imprese edili, introdotta dall’articolo 29 della citata Legge 341/1995.
Stando alla nuova normativa, entro il 31 maggio di ogni anno, il governo verificherà la possibilità di confermare ovvero di rideterminare la misura della riduzione contributiva (con D.M. da emanarsi entro il 31 luglio).

E’ introdotto, inoltre, un meccanismo automatico di applicazione dell’aliquota dell’anno precedente che – in assenza di D.M. – opera decorsi 30 giorni dal 31 luglio, sino all’adozione del previsto decreto, salvo conguaglio da parte degli Istituti previdenziali in relazione alla misura effettivamente accordata.
L’aliquota rimane confermata anche nell’ipotesi in cui non si arrivi all’adozione del decreto, entro e non oltre il 15 dicembre dell’anno di riferimento.
Si ritiene, infine, che la suddetta riduzione possa riguardare i contributi relativi all’anno 2008 e seguenti, data l’assenza di una norma che disciplini espressamente l’efficacia retroattiva del nuovo dettato normativo e atteso che il beneficio in argomento ha prodotto effetti sino al 31 dicembre 2006.

Il comma 172 della Finanziaria 2008, in materia di sgravi contributivi a favore delle imprese che esercitano la pesca costiera e la pesca nelle acque interne e lagunari, ha previsto inoltre la proroga per l’anno in corso delle agevolazioni fiscali e contributive, fissandone la nuova misura nell’80% della contribuzione complessivamente dovuta.
Si precisa che tale sgravio trova applicazione anche nei confronti dei pescatori autonomi di cui alla Legge 250/1958.

Infine, anche per le imprese di cabotaggio marittimo di cui all’articolo 34-sexies del D.L. 10/1/2006, n°4 è stata predisposta proroga per l’anno in corso dei benefici. L’operatività dell’agevolazione rimane però subordinata all’autorizzazione ed ai vincoli della Commissione europea, chiamata a valutarne la compatibilità con il mercato comune.



Menu di pagina
stampa la pagina  stampa la paginatorna su torna su
data creazione  data creazione: 19/03/2008« indietro
Bookmark and Share

News

Offerte di Lavoro

Garanzia Giovani

Centri per l'Impiego

Centri per l'Impiego


vai alla pagina dei Centri »

Social Network

Servizi al Cittadino