Irpinia Job


Portale del Settore Lavoro e Formazione della Provincia di Avellino

STABILIZZAZIONE CO.CO.CO

Benefici per la stabilizzazione collaborazioni coordinate e continuative a progetto
STABILIZZAZIONE CO.CO.CO

La stagione dei condoni sul lavoro acquista una marcia in più. Chi stabilizzerà una co.co.co. con la stipula di un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato potrà usufruire dei benefici della Legge 407/1990 (riduzione contributiva del 50-100% per un periodo di 3 anni) a condizione che il lavoratore attesti, mediante autocertificazione, di non essere stato impegnato in un'attività di lavoro autonoma o dipendente, ovvero di esserlo stato ma percependo compensi o retribuzione inferiore al limite per l'imposizione fiscale (euro 4,5 mila nel primo caso, 8 mila euro nel secondo). Lo precisa il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale nella nota protocollo n°4266/2008.

I chiarimenti ministeriali fanno riferimento all'ultima sanatoria del lavoro nero, prevista dalla Legge 296/2006 (Finanziaria 2007), cosiddetta stabilizzazione dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa. La sanatoria si è chiusa il 30 aprile 2007, ma nell'ambito del milleproroghe (adesso Legge 31/2008) il termine per avvalersi della regolarizzazione agevolata è stato prorogato fino al 30 settembre 2008 (stesso termine inoltre, si ricorda, è stato fissato anche per la regolarizzazione del lavoro nero).

Al Ministero è stato chiesto di chiarire la portata della disposizione del comma 1203, dell'articolo 1, della legge n. 296/2006, laddove stabilisce che, qualora la stabilizzazione avvenga con rapporti di lavoro subordinato stipulati a tempo indeterminato, i relativi contratti «godono dei benefici previsti dalla legislazione vigente». In particolare, si vuole sapere se è possibile ottenere la concessione dei benefici previsti dall'articolo 8, comma 9, della Legge 407/1990 secondo il quale «in caso di assunzioni con contratto a tempo indeterminato di lavoratori disoccupati da almeno 24 mesi i contributi previdenziali ed assistenziali sono applicati nella misura del 50% per un periodo di 36 mesi». Nel caso di artigiani e di imprese del Mezzogiorno, si ricorda, il beneficio è più consistente, poiché c'è l'esonero dal pagamento della contribuzione (sgravio del 100%) per la medesima durata di 3 anni. Il Ministero precisa che la possibilità non è tolta nel caso di stabilizzazione di soggetti che, sebbene svolgano un'attività lavorativa, percependo un reddito annuale non superiore a quello escluso dalla imposizione fiscale, mantengono lo stato di disoccupazione, come previsto dal D.Lgs 297/2002 e confermato in sede di Conferenza Unificata Stato Regioni del 10 dicembre 2003.

Limitatamente a tali soggetti, aggiunge il Ministero, è possibile richiedere, ai fini della procedura per il riconoscimento dello stato di disoccupazione, una mera autocertificazione relativa al reddito annuale percepito. In tal caso, infatti, la dimostrazione documentata di essere impegnato in un'attività lavorativa di natura autonoma o dipendente, ma sotto la soglia reddituale, costituisce una risultanza oggettiva che va a suffragare quanto autodichiarato e non rende decisiva l'attivazione di ulteriori indagini da parte del servizio per l'impiego, fatta salva una verifica a campione in ordine alla veridicità dei requisiti che sono oggetto di dichiarazione.

Si ricorda che il predetto limite di reddito esente da imposizione fiscale è pari a 8 mila euro nel caso di lavoro dipendente e a 4,5 mila euro nelle ipotesi di lavoro autonomo e assimilato.

Il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, con circolare n°8 del 31.03.08, ha fornito ulteriori nuove indicazioni sul processo di trasformazione dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa in rapporti di lavoro subordinato 



Menu di pagina
stampa la pagina  stampa la paginatorna su torna su
data creazione  data creazione: 28/03/2008« indietro
Bookmark and Share

News

Offerte di Lavoro

Garanzia Giovani

Centri per l'Impiego

Centri per l'Impiego


vai alla pagina dei Centri »

Social Network

Servizi al Cittadino